Scenari

27 novembre 2017Enrico Albertini

Qualità della vita, l’Alto Adige vola in cima alle classifiche

Primo posto nel ranking di «Italia Oggi», quarto in quello de «Il sole 24 ore», così i numeri certificano le capacità del territorio

Il tasso di disoccupazione più basso d’Italia, unito a un territorio che prende spunto dall’ambiente, ne fa punto di forza. Se ci si aggiunge le tante opportunità per il tempo libero, il gioco è fatto. Cambiano le classifiche, mutano (leggermente) i parametri presi in considerazione, rimane immutato il ruolo leader di Bolzano nelle classifiche sulla qualità della vita. Ecco i dati: primo posto nella classifica redatta dall’Università La Sapienza per «Italia Oggi», con un balzo di otto posizioni rispetto al 2016. Quarta posizione nel ranking de «Il Sole 24 Ore», anche in questo caso con un aumento di tre posti sull’anno precedente. Due indizi fanno quasi una prova. Per il terzo vi invitiamo a scorrere le sezioni del nostro sito, in particolare «perché vivere e lavorare in Alto Adige». Scoprirete una green region, luogo ideale dove far crescere i propri figli e sviluppare le proprie passioni.

Due classifiche, un'unica indicazione

Come nel 1999, nel 2001 e nel 2007. Nonostante fosse sempre ai primi posti della classifica, Bolzano mancava sul primo gradino del podio da dieci anni. Una soddisfazione che torna con l’edizione 2017 del rapporto sulla qualità della vita pubblicato da Italia Oggi. Ambiente, lavoro, tempo libero, scuola e finanza: questi i principali indicatori del successo altoatesino. Come si può vedere temi diversi a testimoniare come in Alto Adige si stia bene a 360 gradi, dentro e fuori l’ambiente lavorativo. L’indagine si sviluppa su nove macroindicatori, a loro volta suddivisi in 21 ambiti e 84 indicatori finali. Ma in Alto Adige non si è certo abituati ad adagiarsi sui (buoni) risultati. Ecco quindi il punto dove si può ancora migliorare: i valori immobiliari e i relativi affitti alti rispetto alla media nazionale. Maggiori informazioni su come muoversi per cercare casa sul territorio si possono trovare nella pagina che racconta alcune peculiarità della provincia di Bolzano.

Un altro buon riscontro viene dal ranking de «Il sole 24 ore». Una ricerca che già dal titolo di presentazione: «La mappa del buon vivere premia le Alpi», dà un’indicazione sui risultati. Qua Bolzano si piazza in quarta posizione, a pochissimi punti dal trio di testa (Belluno, Aosta, Sondrio), in buona crescita rispetto al settimo posto del 2016. Oltre agli ottimi risultati sull’occupazione, nelle classifiche per indicatore spicca anche il primo posto nel tasso di natalità e il secondo, dopo Milano, nel Pil pro capite. Una terra accogliente pronta ad attirare talenti.